Scoperti i detriti reali di Roswell?

sabato 1 settembre 2012


Abbiamo sempre suggerito che i ricercatori UFO dovrebbero guardare la United States Navy (Marina degli Stati Uniti d'America), al posto della USAF (Aeronautica Militare statunitense), come fonte di informazioni utili in tema di Oggetti Volanti Non Identificati.

L'Office of Naval Research ha cominciato a lavorare con palloni per voli atmosferici nell'anno 1946 e creato il Project Helios che si trasformò in Skyhook, l'avvistamento del pallone che uccise il capitano Thomas Mantell.

Helios condusse diversi voli in tutto il Paese.

Il progetto della US Air Force denominato "Moby Dick" utilizzò, gran parte, della innovativa ricerca Helios della US Navy, con creazione di prototipi all'interno e intorno alla Holloman Air Force Base nel New Mexico.

La sede effettiva della ricerca in campo di palloni era il The Balloon Test Squadron, di stanza presso l'Holloman Air Development Center.

Uno di questi grandi palloni in polietilene scese giù nel cortile di Roswell nel mese di luglio dell'anno 1947, fornendo detriti provenienti dal carico della "gondola" che Mac Brazel collezionò, in parte, e conservò in un capannone della fattoria dove lavorava.

La concentrazione sul progetto del pallone Mogul ha deviato i ricercatori UFO dallo schianto e dal recupero del pallone Moby Dick.

Se i ricercatori avessero modificato l'ossessione con Mogul e si fossero concentrati sui voli Moby Dick, avrebbero trovato prove sufficienti per suggerire che la storia di Roswell era una confluenza di incidenti di palloni e straordinaria mistificazione prodotta dai ricercatori UFO dall'anno 1978 in poi.

Il progetto "Moby Dick" è il segreto della spiegazione di Roswell, che è stata trascurata dai gruppi radicali ufologici. E ciò è intellettualmente vergognoso.


In apertura articolo la foto del mezzo tipo gondola, utilizzato da Mac Brazel per raccogliere i pezzi.


Traduzione a cura di Antonio De Comite

Fonte originale articolo (clicca qui)

Documento "A Report on Our Flying Saucer Balloons" (clicca qui)


0 commenti:

Posta un commento