Gli astronomi comunicano con il Cosmo

lunedì 3 settembre 2012


Gli scienziati hanno inviato mercoledì 29 agosto 2012, da un telescopio di Puerto Rico, un messaggio verso tre sistemi solari extraterrestri delle costellazioni dei Gemelli e del Cancro. L'invio ha segnato il 35° anniversario di un segnale radio inesplicabile ricevuto dalla costellazione del Sagittario, che avrebbe potuto essere lanciato dagli extraterrestri.

"Devo concludere che una specie intelligente extraterrestre potrebbe aver inviato il segnale", ha affermato, in una analisi pubblicata nell'anno 1997 per il 20° anniversario dell'avvenimento, il padre del "segnale Wow", l'astronomo Jerry Ehman, che in seguito ha insegnato all'Università dell'Ohio. Il segnale, che è durato almeno 72 secondi ed è stato fino a 30 volte più forte dei normali segnali naturali del Cosmo, è stato chiamato così perchè il signor Ehman scrisse "Wow" sulla trascrizione informatica.


Un viaggio da 41 a 150 anni

Il segnale lanciato il 29 agosto 2012 ci metterà dai 41 ai 150 anni per raggiungere un eventuale extraterrestre. E' composto da 10.000 messaggi "Twitter" e di messaggi video di stelle della televisione americana, raccolti dal gruppo "National Geographic" come parte di un progetto speciale che circonda il 35° anniversario del segnale "Wow". I messaggi sono stati codificati con delle ripetizioni, affinchè un eventuale ricevitore stabilisca chiaramente che sono state fatte da una specie intelligente.

Tre stelle della parte della costellazione del Sagittario, da dove provenne il segnale nel 1977, sono state individuate dagli astrofisici del telescopi di Arecibo. La più vicina contiene certamente dei pianeti nella zona abitabile.

Fino ad ora, soltanto nove segnali sono stati inviati dalla Terra, con lo scopo di essere captati dagli extraterrestri. L'origine extraterrestre del segnale "Wow" non è stata stabilita formalmente, perchè non si è mai più ripetuto. Dati i progressi costanti dell'astrofisica, è ugualmente possibile che sia stato rilevato un segnale naturale - formazione di un buco nero, collisione tra galassie - che hanno la stessa potenza.


Traduzione a cura di Antonio De Comite 

Fonte (clicca qui)

Immagine prelevata da AFP/ESO

0 commenti:

Posta un commento