Michio Kaku: "una invasione degli extraterrestri sarebbe come Bambi che incontra Godzilla"

sabato 21 luglio 2012



Il giorno 19 luglio 2012, nel corso di una intervista giornalistica su “CNN Live News Room”, il celebre astrofisico e divulgatore scientifico Michio Kaku ha risposto ad alcune domande sulla cosiddetta “Questione Aliena”.

Innanzitutto, esordisce affermando che gli extraterrestri intelligenti esistono e, alcuni di essi, hanno raggiunto una tecnologia di livello molto superiore rispetto a quella ora in possesso della specie umana ed afferma: “Se sono così avanzati...possono raggiungere la Terra da una stella lontana...sono già migliaia di anni avanti a noi nella tecnologia, e noi non dovremmo presentare nessuna sfida militare a tale civiltà avanzata”.

Però, nel caso di una invasione extraterrestre con una specie ostile saremmo come “Bambi che incontra Godzilla”.

Poi, comunque, afferma che con ogni probabilità la maggior parte delle civiltà extraterrestri sono pacifiche ed amichevoli e che ci sono tantissimi e meravigliosi pianeti nel Cosmo, magari disabitati, per fare scorta di risorse utili (come ad esempio minerali) ai loro scopi, ma non bisogna mai abbassare la guardia, “bisogna prepararsi anche alla possibilità che non siano benevole”.

Ma in caso di invasione con una specie extraterrestre ostile, la specie umana può sopravvivere?

Michio Kaku risponde che l'unico modo è quello di unire le forze di tutte le etnie della Terra, per far fronte ad un nemico comune. Prende quindi ad esempio Reagan e Gorbaciov, i quali avevano già discusso in passato di ciò, affermando che nel caso di “invasione da parte di marziani” le due superpotenze di allora (stiamo parlando di USA ed ex Unione Sovietica) si sarebbero alleate per salvare la specie umana. Solo in questo modo, unendo tutti i popoli della Terra, si potrebbe tentare di tener fronte ad una invasione extraterrestre, ritenuta possibile, ma non si comprende bene a quale percentuale di possibilità.


Articolo scritto da Antonio De Comite


Sotto il video (in lingua inglese) dell'intervista del 19 luglio 2012


1 commenti:

carlo paolinelli ha detto...

sarebbe bene tradurre in italiano questi video scientifici

Posta un commento