Basta con le illusioni su Marte

lunedì 30 luglio 2012



Premessa che nessun pianeta del Sistema Solare ha svelato i suoi millenari segreti, l'Ufologia – che per inciso dovrebbe essere la disciplina che studia gli Oggetti Volanti Non Identificati – è in crisi di credibilità a livello mondiale, non tanto come ricercatori sul campo visto che per fortuna qualcuno si salva (anche in Italia), ma per il continuo sensazionalismo e il ciclico “restyling” di tematiche dubbie come volti e città sul pianeta “Rosso”.

Pixellate galattiche scambiate per enormi città riscontrate con l'applicazione Google Mars oppure evidenti “pareidolie” (illusioni subcoscienti che tendono a ricondurre a forme note oggetti o profili – naturali o artificiali – dalla forma casuale) scambiate per improbabili volti di presunta matrice artificiale.

Il sottoscritto, che è sempre stato sostenitore dello studio serio e razionale della tematica UFO, lancia l'allarme contro determinata informazione (o per meglio dire disinformazione o, peggio ancora, ciarpame), affinchè si inizi ad avere coraggio e decidere di cosa fare della tematica UFO in questo già martoriato Paese. Il CUN, di cui sono onorato di far parte, deve assolutamente prendere di petto questo problema, magari rispolverando dal cassetto l'utile progetto di un “Ordine Nazionale degli Ufologi” che fu proposto nell'anno 2006 dal Dottor Maurizio Sorbello e mai, a quanto pare, attuato.

Non si può più tollerare questa situazione, altrimenti sarà la fine dell'Ufologia seria in Italia. In giro ci sono troppi cani sciolti, molte polemiche, innumerevoli chiacchiere. E il discorso non riguarda solo Marte, ma tutto il variegato mondo illusionista di determinata gente che non fa altro che ingannare, come abili manipolatori mentali, le menti sognatrici di innumerevoli persone. Ma non si può vivere di sogni, o peggio ancora, di incubi di basso e infimo livello.

Questa mia pubblica denuncia, assolutamente esposta a livello personale, mi auguro venga presa in buona considerazione, affinchè l'Ufologia cambi per davvero marcia. Solo in questo modo, secondo il sottoscritto, lo studio serio dell'Ufologia può uscire dalle sabbie mobili, che restano al momento infime e, apparentemente, senza un epilogo benevolo.

Facciamo questo, soprattutto, per le generazioni future, affinchè non cadano nella trappola mediatica di un'altro – tanto per fare un esempio - “coniglio scuoiato” scambiato per un feto extraterrestre. Ci vorrebbe solo un minimo di buon senso.


Antonio De Comite  

5 commenti:

Gaetano ha detto...

Antonio, il problema è che pure con l'auspicata creazione di un Ordine i problemi non si risolvono: io appartengo ad un Ordine, quello forense, e ciò non ostante ci sono e continuano ad esserci buoni e cattivi avvocati. Un abbraccio
Gaetano Anaclerio

Gaetano, l'importante - per ora - è aver lanciato una denuncia pubblica sulla situazione attuale che, purtroppo, non è rosea. Mi auspico che qualcosa cambi e non ci si adagi sugli allori. L'Ufologia mondiale, inclusa quella nostrana, è in fase comatosa ed è un peccato farla morire del tutto. Non è giusto mostrare all'opinione pubblica le chiacchiere ufologiche. Ritorniamo ai fatti e, secondo il sottoscritto, torneremo ad un auspicabile rifiorire dell'Ufologia razionale. Un abbraccio anche a te.

Antonio De Comite

Anonimo ha detto...

Odio le polemiche. Può sembrare strano a fronte delle seguenti parole, ma realmente detesto le divisioni ideologiche che ostacolano la ricerca seria e corretta.
Il CUN non può fare ufologia seria, esattamente come il CUT, i camelot e altri*.
Sono molte le mancanze di questi gruppi, CUN in primis, ma tutti sono caratterizzati dall'assenza di una (mi si perdoni la tautologia) fisica concretezza. E' totalmente inutile creare un ordine degli ufologi se non si è prima in grado di stabilire cosa "è" e cosa "non é", cosa è scienza e cosa è pseudoscienza, quali siano gli scopi dell'ufologia e i modi di perseguirli. Per esempio, nell'ordine dei medici non può comparire chi ritiene che la rosa canina curi il cancro. Non mi linci per l'esempio portato: sono perfettamente conscio che l'ufologia è lontana dal poter acquisire lo status di "scienza", eppure alcune scelte possono essere operate. Alcuni argomenti potrebbero essere esclusi, alcuni (diversi) personaggi anche, il tutto a beneficio dell'ufologia, la quale farebbe un passo non indifferente verso l'agognato status di "scienza" e non vedrebbe più persone valide come l'autore di questo blog costretti ad apporre quell'aggettivo, "seria", al nome della disciplina studiata.

Perchè nessun ufologo si unì al Centro Ufologico Ionico? Nessuno ha visto? Nessuno ha sentito? Eppure il primo blog CUI aveva una buona visibilità, se ricordo bene le visite erano numerose.
Articoli del CUI sono comparsi su Tracce d'Eternità, del quale però non conosco la popolarità. Lei, signor de Comite, ha presenziato l'anno scorso al convegno di San Marino se non erro, e in passato vi aveva presenziato a nome del CUT.
Non stiamo quindi parlando di un misconsciuto ufologo.
Eppure nessuno si è unito alla Sua causa.
Il fallimento del Centro Ufologico Ionico è la dimostrazione, dolorosa ma tangibile, dell'assoluto disinteresse verso una ufologia capace di superare la situazione descritta nell'articolo, senza però ricadere nella critica corrosiva e nell'inflessibilità a priori tipiche di alcuni ricercatori.

E' necessaria quindi una riforma, una rinascita dell'ufologia tutta, che possa porre le basi per una ricerca seria, scientifica ma non cieca, dove i falsi ufologici vengano chiamati con il loro nome e con decisione smentiti e le realtà ufologiche accettate come tali.

*ovviamente non si includono il CUI e il CEIFAN.

Anonimo ha detto...

Bello questo articolo. Ancora piu' significativo il fatto che a fianco campeggi la pubblicita' del numero di UFO Notiziario ospitante il piu' grande ciarlatano di Marte che ci sia in Italia, Ennio Piccaluga. Certo non un esempio di coerenza.

Anonimo ha detto...

Secondo me,Sig.Watson,De Comite allude non certo a Piccaluga ma alle tante scempiaggini che girano in rete non giustificate e non motivate. Il suo commento a me pare decisamente superficiale e inutilmente astioso. In maniera del tutto amatoriale mi interesso all'argomento "ufo" da tanto tempo e quindi mi capita di leggere quà e là vari blog/fora.Lei,Sig.Watson,è sempre presente con commenti nervosi e saccenti al limite della maleducazione. Posso chiederle se fa questo di mestiere?Il suo mestiere è frequentare tutti i blog e lasciare commenti saccenti? Beato lei che non deve andare al lavoro ma può passare il tempo a denigrare gratuitamente,che soddisfazione deve essere. Per carità,ammetto che delle tante foto di pseudo città marziane se ne salvano pochissime e se ne salvano solamente per il dubbio che suscitano in un osservatore intelligente che "prende e porta a casa" e ci riflette sopra.Così come dei tanti video e analisi su Youtube pochi sono quelli che lasciano spazio ad altre ipotesi sicuramente da Lei considerate eretiche. Difficilmente scrivo nei blog/fora lo faccio adesso perchè mi sono reso conto che lei è come il prezzemolo,è ovunque e sempre con le stesse argomentazioni. Certo il prezzemolo è buono e indispensabile nelle varie ricette,da più gusto,ma quando è troppo non invoglia ad assaggiare più di tanto il piatto,"il troppo stroppia". Senza contare il fatto che poi se si confonde il prezzemolo con la cicuta,qualunque argomentazione Lei produca,anche delle cose intelligenti che potrebbero arricchire la discussione,rimane solo il veleno.Saluti, Italo

Posta un commento