Basta con le illusioni su Marte

lunedì 30 luglio 2012



Premessa che nessun pianeta del Sistema Solare ha svelato i suoi millenari segreti, l'Ufologia – che per inciso dovrebbe essere la disciplina che studia gli Oggetti Volanti Non Identificati – è in crisi di credibilità a livello mondiale, non tanto come ricercatori sul campo visto che per fortuna qualcuno si salva (anche in Italia), ma per il continuo sensazionalismo e il ciclico “restyling” di tematiche dubbie come volti e città sul pianeta “Rosso”.

Pixellate galattiche scambiate per enormi città riscontrate con l'applicazione Google Mars oppure evidenti “pareidolie” (illusioni subcoscienti che tendono a ricondurre a forme note oggetti o profili – naturali o artificiali – dalla forma casuale) scambiate per improbabili volti di presunta matrice artificiale.

Il sottoscritto, che è sempre stato sostenitore dello studio serio e razionale della tematica UFO, lancia l'allarme contro determinata informazione (o per meglio dire disinformazione o, peggio ancora, ciarpame), affinchè si inizi ad avere coraggio e decidere di cosa fare della tematica UFO in questo già martoriato Paese. Il CUN, di cui sono onorato di far parte, deve assolutamente prendere di petto questo problema, magari rispolverando dal cassetto l'utile progetto di un “Ordine Nazionale degli Ufologi” che fu proposto nell'anno 2006 dal Dottor Maurizio Sorbello e mai, a quanto pare, attuato.

Non si può più tollerare questa situazione, altrimenti sarà la fine dell'Ufologia seria in Italia. In giro ci sono troppi cani sciolti, molte polemiche, innumerevoli chiacchiere. E il discorso non riguarda solo Marte, ma tutto il variegato mondo illusionista di determinata gente che non fa altro che ingannare, come abili manipolatori mentali, le menti sognatrici di innumerevoli persone. Ma non si può vivere di sogni, o peggio ancora, di incubi di basso e infimo livello.

Questa mia pubblica denuncia, assolutamente esposta a livello personale, mi auguro venga presa in buona considerazione, affinchè l'Ufologia cambi per davvero marcia. Solo in questo modo, secondo il sottoscritto, lo studio serio dell'Ufologia può uscire dalle sabbie mobili, che restano al momento infime e, apparentemente, senza un epilogo benevolo.

Facciamo questo, soprattutto, per le generazioni future, affinchè non cadano nella trappola mediatica di un'altro – tanto per fare un esempio - “coniglio scuoiato” scambiato per un feto extraterrestre. Ci vorrebbe solo un minimo di buon senso.


Antonio De Comite  
READ MORE - Basta con le illusioni su Marte

UFO: imbroglio quantico?



Proponiamo un interessante articolo del ricercatore Rich Reynold (responsabile, tra l'altro, del blog di “UFO Iconoclast”) che espone un nuovo punto di vista sul variegato e complesso mondo dei fenomeni e/o oggetti UFO. E se fosse tutto un imbroglio quantico?

Una lettura di “The Black Hole War” di Leonard Susskind (Little, Brown and Company, NY, 2008) consente un'estrapolazione dei nostri punti di vista.


Leonard Susskind (fonte immagine clicca qui)

Tutto il tenore della discussione di Susskind si basa sui buchi neri e la sua costernazione con la visione che una volta aveva Stephen Hawking sui buchi neri e le informazioni (la perdita di esse) che ruotano attorno all'idea che la teoria quantica si applica ai buchi neri...qualcosa di alquanto macroscopico e non microscopico, che generalmente è il campo d'azione della realtà quantica.

Grandi elementi di realtà sono stati sempre evitati dai fisici quantistici, ma Susskind e altri applicano la meccanica quantistica ai buchi neri, che sono uno straordinario elemento della realtà di grandi dimensioni:


Jacob Bekenstein (fonte immagine clicca qui)

Jacob Bekenstein (noto fisico israeliano)...ebbe la sensazione che i buchi neri potessero avere un qualcosa di profondo da dire sulle leggi della natura. Era particolarmente interessato a come i buchi neri potessero combaciare con i principi della meccanica quantistica e della termodinamica che tanto aveva preoccupato Einstein”(pag. 147).

Così si può sostenere, ipoteticamente, che gli UFO possano essere degli artefatti quantistici, per così dire grandi particelle quantistiche.

Gli UFO simulano diversi aspetti della fisica quantistica: l'indeterminazione della posizione, le osservazioni (misurazioni) di UFO che interessano questo campo, e la loro realtà ipotetica - in pratica non reale - in termini classici.

Questi artefatti quantici si comportano stranamente, in modo eccentrico, come sapete. Gli UFO si comportano in modo similare.

Gli UFO, il più delle volte, scompaiono quando osservati, piuttosto improvvisamente che gradualmente, secondo la maggioranza dei rapporti di avvistamenti che riguardano questo fenomeno.

Il fisico ungherese Eugene Wigner (1902-1995) affermò:

Quando prendiamo coscienza di qualcosa, causiamo il crollo cruciale della funzione d'onda, in modo che gli stati mescolati e imbarazzanti della realtà scompaiano” (pag. 148, Introducing Quantum Theory, Totem Books, NY, 1997).


Eugene Wigner (fonte immagine clicca qui)

Gli UFO si comportano piuttosto, di solito, come onde di particelle, ma hanno apparentemente una solidità, come tracce di elementi che sono stati adeguatamente segnalati. Tuttavia, si comportano più facilmente come onde (di luce), soprattutto nel periodo attuale.

Per quanto riguarda la quantistica, Niels Bohr disse ciò:

Se un oggetto si comporta come una particella oppure un'onda dipende dalla vostra scelta di apparecchiature per guardalo” (pag. 160 ibid).



L'intuizione di Bohr si applica per l'UFO evento preferito da Paul Kimball, quello del cosiddetto avvistamento UFO dell'RB-47 del 1957.

Erwin Schrodinger ipotizzò che le particelle - dobbiamo inserire qui gli UFO - non esistono affatto, ma sono solo una “sovrapposizione di onde” (pag. 140 ibid).

Mentre la teoria/meccanica quantistica è difficile da capire per molti, pensiamo che possa essere un veicolo, una metodologia, per lo studio del fenomeno UFO.

E c'è un modo per testare questa ipotesi.

Se gli UFO sono macro particelle quantiche, sarebbero soggetti all'imbroglio quantico: cioè, un UFO visto in un posto sarebbe in grado di imitare un UFO in un altro luogo, nello stesso lasso di tempo.

Le azioni di un UFO duplicherebbero le azioni di un altro UFO altrove. La distanza non è un fattore, come generalmente è nel caso di particelle quantiche.

I “Foo Fighters” durante la Seconda Guerra Mondiale (negli anni 40 del secolo scorso), gli avvistamenti di “Green Fireballs” (palle di fuoco verdi) dell'anno 1948, gli avvistamenti su Washington D.C. dell'anno 1952, gli avvistamenti di Exeter (New Hampshire) dell'anno 1965, l'avvistamento di Kaikoura dell'anno 1978, l'incidente di Valencia (Spagna) dell'anno 1979, gli avvistamenti nella valle di Hudson dell'anno 1981, gli avvistamenti di Sao Paulo/Rio de Janeiro dell'anno 1986, il famoso avvistamento della compagnia aerea “1086 Japan Airlines” nei pressi dell'Alaska (sempre dello stesso anno 1986), gli incidenti dello Space Shuttle dell'anno 1991, gli avvistamenti di Carteret, New York, dell'anno 2001, gli avvistamenti di Tinley Park, Illinois dell'anno 2004, gli avvistamenti di Alderney, Guernsey dell'anno 2007, gli avvistamenti di Stephenville, Texas dell'anno 2008 hanno visto sulla scena degli UFO che si comportavano come particelle quantiche.

Ma altri pochi avvistamenti, come gli avvistamenti di maggio e di settembre (videoregistrato) di Istanbul, Turchia, gli avvistamenti di Mosca nell'anno 2008, con in aggiunta gli avvistamenti avvenuti a San Pietroburgo e Novosibirsk e gli avvistamenti avvenuti a Yerevan/Armavir/Syunik (Armenia) dell'anno 2011 indicano un comportamento simile ad un imbroglio.

C'è da impegnarsi in una diligente ricerca di altri avvistamenti per vedere se ce sono altri concomitanti nello stesso periodo di tempo, in differenti posti, dove le manovre UFO si sovrappongono.

Per comprendere meglio il concetto, ricercate su Google la voce “macro-quantum artifacts”.

Che gli UFO sono o si comportano come particelle quantistiche potrebbe portare ad una metodologia di studio sugli UFO ma, come la meccanica quantistica, continueranno a rimanere elusivi come i vari aspetti della teoria quantistica, come l'imbroglio quantico, in modo che la ricerca della nostra congettura non si riveli inutile, ma interessante dal punto di vista teorico.

Commento di Antonio De Comite: la teoria è davvero affascinante e vale la pena tenerne conto. Anche se alcuni casi UFO citati da Rich Reynold possono riferirsi "ad altre cose" (come il caso di Exeter, oppure quelli brasiliani del 1986 o il caso dell'Alaska sempre dello stesso anno, quello di Tinley Park del 2004 o Stephenville del 2008 - solo per citarne qualcuno), alcuni fenomeni possono portare ad ipotesi "esotiche", non tanto come provenienza ipoteticamente extraterrestre o interdimensionale, ma come la scoperta di nuove forme energetiche (e non solo) in atmosfera. Come ebbe a dire il padre dell'Ufologia moderna, il professor Joseph Allen Hynek, "la ricerca sugli UFO ci avrebbe portato, contro ogni previsione, alla Scienza del XXI° Secolo".

Traduzione a cura di Antonio De Comite

Fonte (clicca qui)
READ MORE - UFO: imbroglio quantico?

Un UFO avvistato in Polonia nel 1909?

domenica 29 luglio 2012



Il quotidiano polacco “Gwiazdka Cieszynska” del 29 dicembre 1909 riporta l'avvistamento di uno strano fenomeno nel cielo.

Il fatto avvenne il giorno 21 dicembre, alle ore 05:00 (ora locale) del mattino sopra la zona di Slesia Cieszyn nei pressi di Kończycach Wielkich.

Alcune persone videro nel cielo, in direzione Nord e nei pressi della stazione di Pruchenskim, una strana luce brillante che abbagliava, in modo strano, l'interno quartiere. Alcune persone gradivano questa irradiazione che arrivava dentro le loro capanne, altre invece uscirono fuori dalle lore case, terrorizzate, notando che la luce presente era come quella del Sole di mezzogiorno. Una donna si avvicinò al fenomeno e, guardò così l'intero spettacolo, rimanendo immobile per un po' ammirando questa strana presenza.

La donna affermò che il cielo si “aprì” e vide un grande “agglomerato” di luci che non cadevano verso terra. La paura prese il sopravvento tra le persone in zona. La luce aveva uno strano, “letale” pallore.

Fin qui l'articolo di stampa. Si potrebbe pensare ad un pallone aerostatico che prese fuoco, oppure il passaggio di una meteora, ma su “Gwiazdka Cieszynska” delle settimane successive non apparve nessun aggiornamento dello strano fenomeno e l'episodio resta avvolto nel mistero più completo.

Traduzione a cura di Antonio De Comite

Fonte (clicca qui)
READ MORE - Un UFO avvistato in Polonia nel 1909?

Nel 2011 il Canada invaso dagli UFO. Lo afferma uno studio in merito.

mercoledì 25 luglio 2012


Gli avvistamenti di UFO in Canada sono stati vicini al più alto record di sempre nel 2011, rivela un nuovo studio. 

Secondo il gruppo di ricercatori di "Ufology Research", che ha studiato gli avvistamenti di oggetti volanti non identificati in questo Paese a partire dall'anno 1989, ci sono stati 989 avvistamenti nel 2011 - ovvero quasi tre al giorno. Il record per un singolo anno si ebbe nell'anno 2008, con 1.004 avvistamenti.

Ma ecco in dettaglio cosa è stato appurato nel 2011 in Canada:

Contrariamente a quanto qualcuno potrebbe pensare, gli UFO non sembrano essere andati via.

L'Ontario ha avuto nel 2011 il più alto livello di registrazioni di segnalazioni UFO. Infatti, la percentuale di segnalazioni in Ontario rispetto al resto del Canada è stata in costante aumento negli ultimi 10 anni.

Nel 2011, circa l'11 per cento dei rapporti UFO è stato giudicato inspiegabile. La percentuale di "sconosciuti" cala a meno dell'1 per cento quando vengono considerati solo i casi di alta qualità.

Circa un Canadese su dieci crede di aver visto un UFO.

C'è una media di due testimoni per ogni avvistamento UFO.

Il tipico avvistamento UFO è durato circa 11 minuti nel 2011.

Lo studio ha scoperto che più della metà di tutti gli avvistamenti UFO ha riguardato semplici luci nel cielo. I testimoni hanno anche riferito fonti luminosi puntiformi, sfere e boomerangs.

Il numero di rapporti di avvistamenti UFO rimane alto. Per questo, si possono essere suggerite diverse teorie in merito: più UFO sono presenti e fisicamente osservabili dai testimoni. Più esercitazioni militari classificate o segrete e sorvoli si stanno verificando sopra aree popolate; più persone sono a conoscenza della natura di oggetti naturali o convenzionali nel cielo; più persone passano il tempo ad osservare l'ambiente circostante; più persone sono in grado di segnalare i loro avvistamenti con un più facile accesso ad internet e attraverso tecnologia portatile, o anche il rallentamento dell'economica sta portando ad incrementare il desiderio in alcune persone a guardare il cielo per assistenza.

Anche se la più alta percentuale degli UFO segnalati riguarda semplicemente luci nel cielo notturno, un piccolo numero riguarda oggetti con forme definite, osservati nella cornice testimoniale di riferimento.

Si sottolinea, inoltre, che contrariamente all'opinione popolare, non vi è alcuna prova incontrovertibile che alcuni casi UFO coinvolgano un contatto extraterrestre. Le continue segnalazioni di UFO da parte del pubblico e l'aumento annuale del numero di rapporti UFO suggeriscono la necessità di ulteriori analisi da parte di sociologi, medici e/o scienziati fisici.


Traduzione a cura di Antonio De Comite

Fonte (clicca qui)
READ MORE - Nel 2011 il Canada invaso dagli UFO. Lo afferma uno studio in merito.

Creata medusa "cyborg". Esclusiva invenzione umana?

martedì 24 luglio 2012



E fu così che arrivarono i "Medusoidi", nuovi arrivati dal mondo della bioingegneria. Questi nuovi organismi sono "partoriti" dall'idea di Kit Parker dell'Università di Harvard, in collaborazione con il California Institute of Technology.

Questa nuova creatura, un trasparente strato di silicone a otto petali che si anima e nuota ritmicamente, è nata grazie a cellule di muscolo cardiaco di ratto impiantate su una matrice artificiale e stimolate da una lieve scossa elettrica. Si tratta a tutti gli effetti di una pompa biologica naturale, che funziona come un cuore umano.


Questa "nuova arrivata bioingegneristica" è un buon modello da utilizzare per lo studio della fisiologia cardiaca e, per di più, ha sin da subito imparato a nuotare, denotando un senso innato di adattamento all'ambiente in cui alberga, anche se si tratta di una creatura "cyborg".

Questa idea è scaturita ammirando i movimenti di una medusa naturale (Aurelia aurita), mentre i ricercatori si trovavano all'interno del New England Aquarium di Boston. Quattro anni di lavoro che hanno portato alla nascita della creatura "cyborg", che dovrebbe portare dei benefici nella cura di malattie cardiache e che, con ogni probabilità, porterà alla creazione di nuove creature che dovrebbero avere scopi sempre più benefici per l'Homo Sapiens.

Questa notizia, come giusto che fosse, sta facendo il giro del mondo ma, a quanto sembra, qualcosa di simile fu visto nel 1959 e che, ipoteticamente, non era di...fabbricazione umana.

Secondo ciò che fu riportato sul numero 24 (anno 1978) della rivista di Ufologia e Parapsicologia francese "Ouranos", il giorno 2 novembre del 1959, verso mezzogiorno, una formazione di UFO sorvolò il sud del Portogallo. Il passaggio di questi misteriosi ordigni volanti coincise con una pioggia di brillanti filamenti bianchi visti cadere, secondo i testimoni, da uno di questi oggetti.


Questi filamenti si posarono sui fili del telefono, sui tetti delle case e sui graticci. Sulla scena intervenne, senza troppi commenti, una squadra scientifica portoghese che raccolse i campioni di materiale, per poi inserirli in provetta.

Questi campioni furono esaminati con la tecnica della microfotografia, rivelando la presenza di strani organismi nei filamenti, i quali erano caratterizzati da curiosi movimenti rotatori che emettevano luce propria (come le lucciole)

L'analisi chimica cercò di determinare la loro natura, ma la piccola quantità di campioni fece fallire questo tentativo. Allora venne fatta un'altra analisi, quella dello studio microscopico. Fu così che la squadra di ricercatori constatò che i filamenti apparivano simili a tubi capillari trasparenti e che avevano una consistenza gelatinosa.


I campioni vennero poi isolati per permettere ulteriori studi in proposito. Dopo numerosi tentativi, i ricercatori portoghesi furono sorpresi nello scoprire che, all'interno di una delle preparazioni, era presente un essere microscopico anomalo. Aveva la somiglianza di una medusa che aveva dei tentacoli in posizione di difesa. Dieci tentacoli che, apparentemente, non sembravano collegati al corpo centrale ed erano animati da movimenti ondulatori

Ecco di seguito le dimensioni dell'organismo biologico:

Diametro del corpo centrale: 375 micron (0,375 millimetri).

Larghezza tentacoli: 225 micron (0,225 millimetri).

Lunghezza tentacoli: 2000 micron (2 millimetri).

Lunghezza totale del corpo: 4375 micron (4,375 millimetri).

Secondo quanto riportato dalla rivista "Ouranos", l'essere sopravvisse per due anni senza riprodursi ed alimentarsi (la rivista ipotizzò la presenza di processi fotosintetici). Inoltre, lo studio non determinò esistenza di cellule.


Allo stesso modo, il fatto che i tentacoli non fossero collegati al corpo centrale rimase un enigma. La presunta scoperta risale al 1959, ma non fu comunicata prima del 1978, quando un gruppo di ricercatori si fece vivo con questa storia, restando nel più completo anonimato visto che poteva, secondo loro, oscurare malauguratamente la loro credibilità scientifica e il loro nome all'interno della stessa comunità di scienziati. 

La rivista "Ouranos" si domandò che cosa fosse questo organismo e ipotizzò una variante di medusa depositata sopra gli UFO che fecero una capatina sotto gli oceani, oppure un essere biologico non terrestre. 

Ma si potrebbe, aggiungiamo noi, inserire anche l'ipotesi di un esperimento di origine terrestre - anche se ufficialmente una simile tecnologia era fantascienza all'epoca - oppure una bufala ben organizzata.

Purtroppo, non lo sapremo mai, visto che da quando sarebbe accaduto il fatto sono passati molti decenni e le notizie (a quanto pare) provengono soltanto dalla rivista "Ouranos". Ma, se ammettessimo (anche se l'ipotesi è improbabile allo stato attuale) che l'episodio in questione si fosse per davvero verificato, potremmo ipotizzare che qualcun'altro fosse già in possesso di organismi biologici sofisticati, morfologicamente simili alle meduse, sprovvisti di cellule, ma perfettamente funzionanti. Un "qualcun'altro" che avrebbe anticipato - e di molto - la creazione del "medusoide" di Kit Parker.

Però, fino a questo momento, siamo nel campo dell'indimostrabile e resta, per ora, una delle tante ipotesi di lavoro, fino a quando non si riuscisse ad entrare in possesso (semmai questo dovesse accadere) di ulteriori elementi che possano corroborare positivamente la storia apparsa nel 1978 sulla rivista "Ouranos", che per il momento - bisogna sottolinearlo - appare come una intrigante ed affascinante storia, ma priva di ulteriori aggiornamenti.

Per il momento, potremmo ipotizzare che si possa trattare di una bufala, ma non bisogna mai chiudere decisamente le porte ad una diversa spiegazione. Anche se l'ipotesi di una origine "altra" per il caso del 1959 sembra improbabile, sappiamo bene che l'improbabilità non è sinonimo assoluto di impossibilità.


Fonti bibliografiche:

Daily Wired (clicca qui)

Live Science (clicca qui)

Rhedae Magazine (clicca qui)


Articolo scritto da Antonio De Comite
READ MORE - Creata medusa "cyborg". Esclusiva invenzione umana?

E se gli UFO fossero una intelligenza artificiale?

lunedì 23 luglio 2012


Questo articolo prende spunto dal libro scritto da Jean Goupil, con la collaborazione di Didier Leroux, con prefazione di Gildas Bourdais, dal titolo “Les OVNIs, une intelligence artificielle” (Editions Le Temps Présent, anno 2010).

L'ipotesi proposta da Jean Goupil non è nuova, magari può trovare delle razionali contraddizioni, ma è pur vero che potrebbe rappresentare una chiave di lettura per spiegare alcune manifestazioni UFO.

Ma prima di riprodurre la traduzione dell'articolo apparso sul sito di “Les Repas Ufologiques”, vediamo brevemente chi è Jean Goupil.

Nato nel 1933, nel 1955 si laurea in ingegneria elettronica alla ENREA (Ecole Nationale Supérieure de l'Electronique et de ses Applications). Entra come ingegnere al Centro Studi Nucleari di Saclay ed effettua delle ricerche sui sistemi di rilevazione nei reattori. Diventa poi un componente del GEPA (Groupe d'Etude des Phénomène Aériens), associazione privata di studio sugli UFO, fondata nel 1962 in Francia e composta da scienziati e militari e continua il suo lavoro negli esperimenti spaziali di Gamma-astronomia fino al 1963. Nel 1964, mentre era al GEPA (ndr che non ha nulla a che vedere con l'odierno GEIPAN all'interno del CNES francese) conobbe Didier Leroux, studioso interessato alle scienze ufologiche, ma anche allo studio parapsicologico e al folklore, con il quale è autore del libro già menzionato.

Dopo la dovuta presentazione dell'autore principale, ecco di cosa parla l'opera letteraria in questione.

Il libro appena citato mostra un approccio del tutto nuovo sul variegato mondo degli UFO, collegandolo alla complessa sfera del paranormale. Secondo Jean Goupil, si disegna una origine comune per tutti i fenomeni ad alta stranezza: dagli UFO alle apparizioni mariane, fino ad arrivare ai fenomeni di levitazione, bilocazione, case infestate, spiritismo, transcomunicazione e altre manifestazioni definite “paranormali. Secondo l'autore del libro, questi fenomeni sono creati da una Intelligenza Artificiale (I.A.), la quale utilizza gli stessi strumenti tecnologici per produrre i casi tra i più spettacolari e manipolarci nelle credenze e nelle religioni.

Proprio come gli esseri umani che dal punto di vista fisico non possono viaggiare ed esplorare gli esopianeti, non ci sono nemmeno extraterrestri biologici sulla Terra, ma solamente dei robots (meccanici o bionici) che si sono adattati alle condizioni terrestri ed operano per conto di una Intelligenza Artificiale. Per mascherare la loro presenza e testare le nostre reazioni, l'I.A. rende le testimonianze assurde, e dunque inammissibili per la comunità scientifica. Così, essa utilizza delle “esche” per gli incontri ad elevato grado di stranezza. Uno scenario più o meno aberrante è presente nel testimone in modo totalmente realistico grazie all'induzione di immagini e di suoni nella sua visione, che sostituiscono la realtà.

L'Intelligenza Artificiale controllerebbe ugualmente la produzione d'immagini di tipo olografico e le tecniche d'invisibilità e della lettura dei pensieri dei testimoni...tecniche che sono già allo studio dentro i nostri laboratori.

Ora vediamo in sintesi su come sviluppa il tema il ricercatore Jean Goupil:


ESOPIANETI

Dal 1995, l'uomo ha cominciato ad esplorare l'Universo alla ricerca di esopianeti (dei pianeti che gravitano attorno a stelle come il nostro Sole). Dal punto di vista materiale, l'esplorazione di questi corpi celesti non è proprio inverosimile, a condizione di mettere a punto la fusione termonucleare, e ciò è tecnicamente possibile tra 50 o 100 anni.

Di contro, questo viaggio si presenterebbe molto lungo, poiché l'astronave si muoverebbe ad una frazione della velocità della luce. Di conseguenza, è materialmente impossibile avere a bordo un equipaggio umano perchè è troppo pericoloso e non può assicurare la sopravvivenza degli astronauti e il loro ritorno in sicurezza e, inoltre, l'astronave sarebbe mille volte più voluminosa. Quindi per evitare queste problematiche, l'unico rimedio sarebbe quello di mettere a punto una “Intelligenza Artificiale” (I.A.), di livello molto alto, capace di assicurare il pilotaggio e la manovrabilità del veicolo e, dopo l'atterraggio su un esopianeta (o in prossimità), effettuare la sua esplorazione e costruire sul posto gli strumenti, i veicoli e i robots necessari a questa missione. Lo sviluppo di questa I.A. è particolarmente ardua e richiederà, almento, due secoli per svilupparla per bene.

Tra i vicini esopianeti, si dovrà scegliere bene quello in cui è stata rilevata la presenza di forme di vita, grazie anche a telescopi interferometrici ad alte prestazioni. Se una civiltà si è sviluppata su quel pianeta e se tale civiltà è meno sviluppata della nostra, dovremmo studiarla senza prendere un contatto ufficiale con essa, per evitare il rischio di provocare un etnocidio che distruggerebbe l'oggetto stesso del nostro studio.

L'esplorazione dell'intera Galassia potrebbe essere fatta in tre milioni di anni circa, in modo del tutto automatico ed ogni pianeta esplorato servire come base di partenza verso altre destinazioni, attraverso delle astronavi costruite sul posto dalla I.A.


GLI UFO

Probabimente, tra le 140 miliardi di stelle della Via Lattea, ci sono altre civiltà che hanno raggiunto un livello tecnologico molto superiore rispetto al nostro. In questo caso, si può pensare che qualcuna di esse esplori la Terra da molto tempo, con vincoli molto simili a quelli citati pocanzi, vale a dire: nessun extraterrestre vivente a bordo dell'astronave, ma una I.A. estremamente evoluta ed un divieto preventivo di avere qualsiasi contatto formale con la specie umana. Ciò non esclude uno studio delle nostre reazioni fisiologiche e psicologiche effettuato su isolati individui in tutte le regione della Terra.

Viene riconosciuto il comportamente abituale degli UFO, a proposito dei quali si dispone di circa 100.000 testimonianze attendibili in tutto il mondo da oltre una sessantina di anni. Eliminando tutti i rischi di confusione con dei fenomeni naturali o artificiali conosciuti, ci sono migliaia di casi che sembrano prodotti da una tecnologia superiore.

Come spiegare le prestazioni di questi UFO, capaci di accelerazioni fulminanti, di virate ad “angolo retto” e di velocità incredibili? Il ricercatore Jean Goupil propende per il controllo di un campo di forza attrattivo o, più soventemente, repulsivo (campo antigravitazionale). Paul R. Hill, scienziato americano, ha effettuato uno studio approfondito sul tema, arrivando alle stesse conclusioni di Goupil, ben sostenuto da differenti testimonianze relative a UFO in evoluzione o in volo stazionario, descrivendo in dettaglio il suo approccio.


LE ESCHE

Per non provocare un improvviso riconoscimento della sua esistenza, l'I.A. che governa gli UFO ha trovato una parata perfetta. Le testimonianze dei testimoni ravvicinati sono, molto spesso, falsificate dallo stesso fenomeno. Il testimone è immerso in uno scenario più o meno assurdo che coinvolge i cosiddetti “extraterrestri”, i quali vanno dal testimone raccontandogli storie impossibili e contraddittorie. Il racconto del testimone sarà completamente screditato e, di conseguenza, nessuno scienziato oserà intraprendere uno studio serio sul soggetto, per non vedere la sua carriera fortemente compromessa.

Tali scenari vengono sviluppati, ogni giorno, dai registi di film di fantascienza, accompagnati da un'abbondanza di effetti speciali, ogni volta sempre più stupefacenti, a base di immagini di sintesi. Al giorno d'oggi si potrebbe, con computers molto potenti, ricreare un palcoscenico virtuale nella scena dove si trova il testimone ed aggiungere un disco volante e molti strani umanoidi, virtuali come il resto. A secondo della direzione di visione del testimone, questo scenario verrebbe modificato, creando una perfetta illusione della realtà, completata dall'ascolto di suoni e la creazione di altre sensazione come, ad esempio, il tatto. Verrebbero, quindi, proiettate direttamente queste immagini nei sensi del testimone, senza utilizzo di schermi o speciali occhiali.

Quindi, secondo il ricercatore Goupil, questa I.A. è capace di indurre queste esche “di sintesi” nella mente del testimone (o di un piccolo gruppo di testimoni). Inoltre, questa Intelligenza Artificiale può ugualmente provocare il cosiddetto fenomeno del “missing time” (tempo mancante), attraverso il quale i testimoni perdono completamente coscienza e tutti i ricordi del tempo passato.


IL “MIRACOLO” DI FATIMA

Nel 1917, in Portogallo, oltre 70.000 persone assistettero ad un miracolo annunciato, il Sole si mise a danzare e a scendere verso la folla. Il fenomeno durò circa 10 minuti. Sei mesi prima, tre piccoli pastorelli avevano visto l'apparizione della Vergine, la quale annunciò loro il miracolo citato sopra che fece seguito ad altre apparizioni e che si verificarono il 13 di ogni mese a mezzogiorno. Ovviamente non c'era stata nessuna perturbazione nel Sistema Solare e questa manifestazione “miracolosa” è stata elaborata interamente dal fenomeno UFO, come ha affermato Paul Misraki e, più recentemente, Gilles Pinon.

I movimenti assurdi del Sole si spiegano facilmente con uno schermo che forma una eclisse, con un UFO che ha simulato il Sole. La visione e l'ascolto dei messaggi dell'apparizione, riservati ai piccoli pastori, sono state delle audizioni di esche, che hanno interagito in tempo reale, come negli incontri ravvicinati con gli UFO. Dobbiamo quindi accettare, dice il ricercatore francese Jean Goupil, che l'I.A. ha come missione quella di favorire la religione e, per quanto riguarda le nostre zone, in modo particolare la religione cattolica, creando dei falsi miracoli e delle false apparizione della Vergine.


LA LEVITAZIONE DEI MISTICI

Molti mistici cristiani hanno vissuto, spesso contro la loro volontà, delle levitazioni spettacolari che impressionavano fortemente la folla dei pellegrini. Giuseppe da Copertino (1603-1663) effettuò settanta “voli estatici” nel corso della sua vita. Questa caratteristica lo portò ad essere conosciuto come...il santo patrono degli aviatori!

Secondo Goupil, il mistico operava sotto l'azione di una intelligenza dotata di mezzi tecnologici evoluti e ritroviamo ciò nel controllo dei campi di forza, come nella propulsione degli UFO. Anche in questo caso, dice il ricercatore francesce, l'I.A. ha agito con lo stesso scopo di Fatima: generare degli pseudo miracoli per rafforzare la fede dei fedeli.

ALTRE APPARIZIONI DELLA VERGINE

Esistono due casi dettagliati di apparizioni mariane rifiutate dalla Chiesa, ma che hanno evidenziato dei fenomeni a tutti gli effetti inspiegabili per le nostre conoscenze attuali. Si tratta del caso “Tilly-sur-Seulles”, accaduto nelle Calvados nel 1896 e quello del caso “Garabandal”, in Spagna, dal 1961 al 1963.


A Tilly-sur-Seulles un'apparizione della Vergine fu vista a più riprese da una classe di sessanta studenti e da religiosi. A volte, le apparizioni durarono più di un'ora e sembravano essere situate ad un'altezza di 1.200 metri. Ma dove sembrava essere localizzata, non era visibile. Una testimonianza relativa ad un “disco volante” visto a 800 metri di distanza da professori e studenti del collège di Volvic nel 1970 presenta la stessa particolarità: l'UFO non era visibile sulla verticale della sua posizione apparente.

A Tilly una veggente comunicò con l'apparizione, la quale “visione” le diede una visione precisa della Basilica che le chiese di costruire. La veggente visualizzò questa “Basilica virtuale” e la descrisse nei minimi dettagli. Con ogni probabilità, anche in questo caso ci fu una induzione di immagini di sintesi (che ora chiameremo la “realtà aumentata”).

A Garabandal, quattro bambine dissero di aver visto la Vergine più di mille volte in pochi anni. Nel corso di queste visioni andavano in estasi, con la testa girata all'indietro e in grado di muoversi avanti e indietro su un terreno irregolare, senza mai inciampare. A volte andavano tre volte più veloci ed era impossibile seguirne l'andamento. Fanno benedire centinaia di oggetti dalla Vergine e non vanno mai in errore quando forniscono gli oggetti, senza mai guardarli. Entravano in stato di estasi, fuoriuscendo immediatamente senza provare nessuna fatica. Furono anche viste entrare in stato di levitazione.

Anche per questo caso, Jean Goupil sostiene che una intelligenza manovrò le bambine come marionette, guidando i loro movimenti con una grande precisione e fornendo tutta l'energia necessaria alla loro evoluzione.


LE APPARIZIONI IN EGITTO

Nel 1968 la Vergine apparve alla periferia del Cairo, fluttuando al di sopra di una Chiesa Copta sotto forma di una entità luminosa. Queste apparizioni furono fotografate e filmate. Le apparizioni si verificarono a cadenza regolare di tre anni e il numero di testimoni (musulmani e cristiani) erano dell'ordine di un milione di individui! Questi fenomeni inquietarono i razionalisti del Vaticano che, all'epoca, si tradusse in un silenzio quasi totale della stampa di Francia.

Il fenomeno UFO presenta numerosi casi che hanno portato a manifestazioni di esseri luminosi e immateriali. La manipolazione della luce, attraverso tecniche evolute, permette di spiegare queste apparizioni. In particolare, si può considerare l'utilizzo di “pixel volanti”, come quelli descritti nel recente progetto “Flyfire” del Massachusetts Institute of Technology (M.I.T.).


I FENOMENI PARANORMALI

Si può legittimamente supporre che l'I.A. interviene in numerosi fenomeni paranormali ad alta stranezza. Questa intelligenza che opererebbe sul nostro pianeta da millenni, può costituire una base di prove fantastiche concernenti la nostra Storia. Per essa è facile ricostruire delle scene del passato e indurle nelle menti di alcuni individui. Queste ricostruzioni possono, naturalmente, essere modificate dalla I.A. per rafforzare una credenza. Non si tratta di un Viaggio nel Tempo, e questa retrocognizione si riassume in una semplice consultazioni degli archivi della I.A.

La chiaroveggenza e la visione a distanza, concernenti persone vive e decedute, si possono ugualmente spiegare. In una certa misura, ma soltanto a breve termine, l'I.A. può predire l'avvenire e far beneficiare di ciò un medium (precognizione o preveggenza). L'Intelligenza Artificiale è ugualmente capace di leggere i pensieri, che si cominciano a studiare attualmente esaminando l'attività cerebrale attraverso Risonanza Magnetica. Per questa I.A. è quindi facile produrre delle comunicazioni telepatiche tra due persone.

Dei Campi di Forza, della stessa natura di quelli utilizzati per la propulsione degli UFO, vengono messi in atto nei casi di infestazioni, poltergeists e di telecinesi. Queste forze sono importanti e precise e, soprattutto, la loro azione può effettuarsi attraverso le pareti, senza nessuno schermo che può modificare la gravità.

Inoltre, il fenomeno UFO padroneggia le tecniche dell'invisibilità. Numerose ricerche sono in corso su questo tema ed interessano molto i militari. Dopo aver ottenuto una invisibilità nel campo delle microonde, poi nell'infrarosso, le prove si spostano nel visibile e sono in progressiva crescita.

L'utilizzo dell'invisibilità nei fenomeni definiti “paranormali” viene ben spiegata dalle “pseudo” materializzazioni e smaterializzazioni di oggetti, senza far intervenire un ipotetico “passaggio in un'altra dimensione.

Tutto questo dona una nuova luce sullo spiritismo, la scrittura automatica, il channeling, la transcomunicazione strumentale, i fantasmi e la reincarnazione.

IN CONCLUSIONE

L'esistenza di una Intelligenza Artificiale presente sulla Terra da molti secoli è una componente necessaria del fenomeno UFO, la cui origine extraterrestre non può essere messa in dubbio. Questa I.A. ha nella sua memoria la quasi totalità della Storia del Mondo.

Essa agisce in modo più o meno discreto sulle nostre credenze e utilizza per questo scopo gli stessi strumenti tecnologici: creazione di forze, invisibilità, lettura del pensiero, induzione di esche, tutte tecniche che sono attualmente l'oggetto di intensi studi.


Traduzione a cura di Antonio De Comite

Fonte (clicca qui)
READ MORE - E se gli UFO fossero una intelligenza artificiale?

Michio Kaku: "una invasione degli extraterrestri sarebbe come Bambi che incontra Godzilla"

sabato 21 luglio 2012



Il giorno 19 luglio 2012, nel corso di una intervista giornalistica su “CNN Live News Room”, il celebre astrofisico e divulgatore scientifico Michio Kaku ha risposto ad alcune domande sulla cosiddetta “Questione Aliena”.

Innanzitutto, esordisce affermando che gli extraterrestri intelligenti esistono e, alcuni di essi, hanno raggiunto una tecnologia di livello molto superiore rispetto a quella ora in possesso della specie umana ed afferma: “Se sono così avanzati...possono raggiungere la Terra da una stella lontana...sono già migliaia di anni avanti a noi nella tecnologia, e noi non dovremmo presentare nessuna sfida militare a tale civiltà avanzata”.

Però, nel caso di una invasione extraterrestre con una specie ostile saremmo come “Bambi che incontra Godzilla”.

Poi, comunque, afferma che con ogni probabilità la maggior parte delle civiltà extraterrestri sono pacifiche ed amichevoli e che ci sono tantissimi e meravigliosi pianeti nel Cosmo, magari disabitati, per fare scorta di risorse utili (come ad esempio minerali) ai loro scopi, ma non bisogna mai abbassare la guardia, “bisogna prepararsi anche alla possibilità che non siano benevole”.

Ma in caso di invasione con una specie extraterrestre ostile, la specie umana può sopravvivere?

Michio Kaku risponde che l'unico modo è quello di unire le forze di tutte le etnie della Terra, per far fronte ad un nemico comune. Prende quindi ad esempio Reagan e Gorbaciov, i quali avevano già discusso in passato di ciò, affermando che nel caso di “invasione da parte di marziani” le due superpotenze di allora (stiamo parlando di USA ed ex Unione Sovietica) si sarebbero alleate per salvare la specie umana. Solo in questo modo, unendo tutti i popoli della Terra, si potrebbe tentare di tener fronte ad una invasione extraterrestre, ritenuta possibile, ma non si comprende bene a quale percentuale di possibilità.


Articolo scritto da Antonio De Comite


Sotto il video (in lingua inglese) dell'intervista del 19 luglio 2012


READ MORE - Michio Kaku: "una invasione degli extraterrestri sarebbe come Bambi che incontra Godzilla"

Avvistato fenomeno aereo anomalo a Taranto

venerdì 20 luglio 2012


Il CUN (Centro Ufologico Nazionale), nella persona del sottoscritto (Socio inquirente nelle indagini ufologiche a Taranto e provincia), comunica dell'avvistamento di un fenomeno aereo anomalo nei cieli di Taranto il giorno 4 luglio 2012. 

Tutto ha inizio alle ore 01:30 a.m. del suddetto giorno, quando F.G. (generalità omesse per questioni di privacy per volere del testimone interrogato), nato a Taranto il 26 febbraio 1960, vede ad un'altezza di circa 30 metri, rispetto al suo punto d'osservazione (6° piano - balcone della sua abitazione), una specie di "aureola luminosa" con la parte superiore ed inferiore sfumata e tre segmenti verticali, separati al centro. Il fenomeno, apparentemente, sembrava immobile, ma ha avuto nel corso del tempo dei cambiamenti di forma, divenendo via via più visibile ed acquisendo una specie di "stella" a quattro punte sulla cima del segmento centrale, per poi sparire gradualmente. L'avvistamento è durato circa 3 ore e la distanza stimata tra il testimone e il fenomeno osservato è stata di un centinaio di metri.


Sopra ricostruzione fenomeno (prima fase)

Il testimone ha cercato di fotografare il tutto, ma non avendo una macchina professionale i risultati sono stati deludenti. Nonostante il fenomeno fosse visibile, sulla foto non risultava nulla, cancellando dalla memoria della fotocamera l'immagine in questione. 

Il tempo meteorologico era sereno ed era presente una "Luna Calante", assieme (come visibilità) al pianeta Venere. Il testimone è una persona conosciuta nell'ambito del sociale e dell'arte e scrive per i quotidiani online come "Giro di Vite", "Info Sannio" e "Comunità Provvisorie". Inoltre, ha partecipato a mostre e retrospettive ed è interprete in lingua inglese, francese e indiana.


Sopra ricostruzione fenomeno (seconda fase)

Visti quindi i fattori relazionali, caratteriali e descrittivi del testimone (interrogato dal sottoscritto), davvero impeccabili e che hanno denotato una elevata preparazione culturale, si è propensi a catalogare questo caso come "IR1* non identificato", in attesa di ulteriori ed eventuali sviluppi che possano confermare o modificare questo rapporto basato sul racconto testimoniale.

All'interrogatorio del testimone, ha partecipato l'aspirante collaboratore Valerio De Rosa.

* IR1 Incontro Ravvicinato del Primo Tipo: avvistamento di oggetto o fenomeno luminoso anomalo a meno di 150 metri di distanza dal testimone e dove si riescono a distinguere dei particolari specifici.


Caso analizzato da Antonio De Comite (socio inquirente Centro Ufologico Nazionale) sezione indagini Taranto e provincia.

In allegato a questo comunicato stampa, inviato a tutti i mass media (cartacei e televisivi) di Taranto, una ricostruzione del fenomeno, effettuata dallo stesso testimone in formato Photoshop. 
READ MORE - Avvistato fenomeno aereo anomalo a Taranto

Terremoti e luci misteriose. Cosa succede a Pernik ?

mercoledì 18 luglio 2012



Pernik è una città bulgara di circa 109.000 abitanti e che si trova nella regione omonima. Questa città è sconosciuta a molti, ma per molti sismologi è un punto sensibile in caso di scosse telluriche, visto che si trova in una nazione, la Bulgaria, di elevato rischio sismico.

Infatti, il 22 maggio 2012 c'è stato un forte terremoto, di magnitudo 5.6 della scala Richter, che ha colpito la Bulgaria e con epicentro situato a Sofia-Pernik, con profondità 9.4 chilometri. La prima scossa si è presentata alle ore 03:00:33 (ora locale), seguita da una seconda alle ore 04:30:50 (ora locale) con profondità 9.2 chilometri e magnitudo 4.9 della scala Richter.

Le stesse scosse si sono avvertite fino al Mar Nero ed hanno causato lievi disagi come momentanei blackouts alla linea elettrica e leggeri danni alle abitazioni. Tanta paura, ma per fortuna nessun morto.


Ma, dopo le scosse di terremoto, molti abitanti di Pernik hanno notato - anche - qualcosa di strano nel cielo. Secondo il quotidiano di informazione telematico bulgaro “Actualno”, qualche giorno dopo i cittadini hanno notato oggetti luminosi sconosciuti. Proprio questa inspiegabile presenza nei cieli di Pernik ha fanno nascere il dilemma se questi oggetti volanti fossero di origine naturale oppure causati da forze extraterrestri.

Inoltre, alcuni hanno parlato (senza documentare ciò che hanno asserito) che una strada che porta verso una zona interna di Pernik (Radomir) è stata chiusa e messa in sorveglianza dai militari. Verità o leggenda che sia, resta il fatto che strane luci sono state viste in zona e il misterioso fenomeno si sarebbe ripetuto il giorno 17 giugno 2012.

Quel giorno, intorno alle ore 22:40 (ora locale), furono avvistati presunti UFO sopra il villaggio di Kladnitsa. Sarà un caso, ma il giorno prima un terremoto di magnitudo 3.1 della scala Richter fu registrato alle ore 07:51 (ora locale) sempre nella regione di Pernik, e precisamente a circa 4 chilometri dal comune di Pernik stesso.


Sopra una "luce sismica". La foto è stata inserita a mò di esempio e non proviene dalla zona di Pernik

Cosa hanno visto i cittadini della zona? Con ogni probabilità si tratta delle cosiddette "luci sismiche", fonti luminose di origine naturale, le quali hanno forma generalmente sferica (ma non solo), che possono trarre in inganno anche i più esperti. Quindi, apparentemente, non si tratterebbe di qualcosa di diverso dall'ordinario. E per quanto riguarda i militari che hanno bloccato una strada dopo che venivano avvistate queste enigmatiche luci? Può essere tranquillamente una leggenda che si crea - e non è la prima volta - quando accadono determinati fatti. 

Come in qualunque caso similare, invitiamo alla prudenza e consigliamo di non farsi prendere da facili entusiasmi. Il limite tra realtà dei fatti e leggende è davvero sottile e una buona dose di scetticismo non fa mai male, soprattutto quando avvengono questi casi.


Articolo scritto da Antonio De Comite
READ MORE - Terremoti e luci misteriose. Cosa succede a Pernik ?

Alieni in vacanza? Ecco il documento in dettaglio del MoD britannico

lunedì 16 luglio 2012


Il giorno 12 luglio 2012 è stata una giornata interessante per gli ufologi di mezzo mondo, i quali non vedevano l'ora di entrare in possesso di qualcosa di serio, tralasciando per un pò - come la manna caduta dal cielo - rapporti di lanterne cinesi, notizie sensazionalistiche e improbabili UFO immersi nel Baltico. In questa giornata il MoD (Ministero della Difesa) britannico ha messo online oltre 6.700 pagine che includono riunioni governative, lettere firmate da "ufologi" e dettagli di numerosi avvistamenti di presunti UFO. Documenti che coprono un periodo che va dal 1965 al 2008.

Non mancano, inoltre, numerose missive da parte di parlamentari e politici che, contrariamente a ciò che si pensava, avevano un notevole interesse per la materia UFO. Tra questi ricordiamo l'ex premier britannico Tony Blair.

Ma le pagine, prima secretate, che hanno fatto breccia sugli organi di stampa internazionali riguardano quelle che si riferiscono agli "alieni turisti", una citazione che colpevolmente è stata presa con molta leggerezza e ilarità da molti giornalisti e addetti ai lavori, senza neppure leggere il documento.

Inoltre, si è parlato di un briefing del 1995, mentre in realtà si tratta dell'anno 1993. Mettiamo da parte incongruenze ed errori madornali da parte di giornalisti pigri e riportiamo cosa c'è scritto in queste pagine, documenti che sono stati scritti per conto di un alto ufficiale dello "UFO Desk Officer" del DI55, che è per la precisione una sezione del DSTI (Directorate of Scientific and Technical Intelligence), all'interno del DIS (Defence Intelligence Staff). Il documento in questione è il DEFE-24-2080-1 e le pagine del file che ci interessa si trovano da pagina 38 a pagina 42. Il rapporto del briefing porta la sigla D/DI55/108/15, titolo DGSTI UFO BRIEF (VA1) ed è datato 10 agosto 1993. Le generalità dell'alto ufficiale non sono state divulgate. Ecco di seguito la traduzione del briefing:


INTRODUZIONE

1. Sono ben consapevole che chi parla di UFO viene trattato con un certo grado di sospetto. Eccomi in un briefing sul tema, perchè il DI55 ha una responsabilità sugli UFO, non perchè parlo ogni notte con gli omini verdi! Tuttavia, l'argomento è emotivo e varie reazioni provengono dalla completa incredulità e ridicolo provenienti da Adamsky/Von Daniken che hanno esposto i propri viaggi su Venere con alieni femminili ninfomani. Tuttavia, la mia copertura è stata rotta da un quotidiano popolare qualche anno fa quando pubblicò questa storia (VA2).

2. Ritengo indispensabile partire con la mente aperta. Per esempio, se fossi qui oggi ad informare su un nuovo missile basato su (omissis). Probabilmente sarei stato creduto, ma nessuno intorno a questo tavolo avrebbe visto il missile e la relazione sarebbe basata sul trattamento che alla maggior parte delle persone è (omissis).

3. Credo che sia anche importante rendersi conto che quello che oggi viene definito “fatto” scientifico può non essere vero un domani. Si considerino gli esempi seguenti: (VA3)

a. E' stato solo poche centinaia di anni fa, che gli “scienziati” credevano che la Terra fosse al centro dell'Universo.

b.La comunità scientifica aveva detto a Marconi che le onde radio non avrebbero mai attraversato l'Atlantico.

c. Fin dall'inizio di questo secolo, si era generalmente d'accordo che l'atomo non poteva essere diviso.

d. L'Astronomo Reale, solo 30 anni fa, aveva pubblicamente dichiarato che il viaggio spaziale era una fandonia.

e. Le radiazioni e i raggi X erano considerati essere ottimi per la salute.

Potrei citare molti altri esempi, ma il mio punto è che c'è bisogno di mantenere la mente aperta.


PERCHE'

4. Perchè allora qualcuno dovrebbe, a parte la frangia strana, e il DI55, essere interessato agli UFO?

5. Gli UFO sono storicamente una responsabilità del DI55, ma non abbiamo mai svolto indagini, abbiamo appena depositato i rapporti. Preziosi tentativi iniziali di effettuare degli studi sono stati rifiutati. Così abbiamo un mandato che non abbiamo mai soddisfatto. Cioè, non lo facciamo ora per dimostrare che gli UFO esistono. Se essi esistono, non sappiamo cosa sono, il loro scopo o se rappresentano una minaccia per il Regno Unito.

OBIETTIVO

6. Lo scopo di questo mio briefing sarà quindi quello di descrivere alcuni episodi, trarre qualche conclusione provvisoria e indicare una possibile via per andare avanti.


INCIDENTI

7. (VA4) Innanzitutto vorrei dire che siamo alla parte 42 del file degli incidenti UFO. La corrente sezione è stata aperta il 27 aprile di quest'anno (ndr 1993) e dispone già di 33 allegati. Non abbiamo analizzato questi dati, abbiamo questo file e, occasionalmente, si devono mettere in campo alcune questioni generali.

8. La maggior parte della gente pensa che gli UFO sono un fenomeno recente, ma non lo è. Ci sono rapporti ragionevolmente affidabili di strani oggetti nei cieli risalenti a centinaia di anni. L'argomento ha iniziato a guadagnare l'interesse del pubblico dopo la Seconda Guerra Mondiale quando gli avvistamenti, o i rapporti, hanno iniziato ad aumentare drammaticamente. Ho scelto tre differenti tipi di eventi nel corso degli ultimi dieci anni e descriverli.

9. RENDLESHAM FOREST. (VA5) Questo VA mostra una relazione proveniente dal vice comandante della base a Woodbridge che descrive un incidente accaduto a fine anni 80 (ndr in realtà c'è una incongruenza, l'incidente avvenne proprio nel 1980). Vorrei richiamare la vostra attenzione sul fatto che i testimoni erano tutti militari e includevano poliziotti e un tenente colonnello. Altri fatti interessanti sono la vicinanza ad una grande base, le luci blu e l'apparente assenza di qualsiasi sistema di propulsione evidente. Ci sono state successive relazioni più dettagliate da parte di personale che affermava di essersi trovati lì.

10. BELGIO. (VA6) Le informazioni contenute in questo evento provengono da un programma televisivo Statunitense, Unsolved Mysteries. Non ho richiesto l'autorità di discutere la questione con i Belgi, ma se il nostro studio verrà approvato, lo farò. Io credo che questo evento sia accaduto realmente e il programma televisivo contiene interviste con la polizia e i militari del Belgio e un video HUD supporta la storia. Le caratteristiche essenziali sono:

a. Alla fine del 1989, circa 20 uomini della polizia e centinaia di altre persone avvistano quello che sembrava essere un grande oggetto a forma di delta sopra Bruxelles e altre parti del Belgio. Si trovava a bassa quota e si muoveva lentamente, era molto grande e aveva tre brillanti luci ai suoi vertici. Non c'era nessun rumore.

b. Nel marzo del 1990 ci fu una replica di questi eventi e molte persone segnalarono l'avvistamento dell'oggetto. Fu rilevato dal radar e due F-16 si alzarono in azione di scramble per intercettarlo. Quando gli F-16 furono davanti all'oggetto, quest'ultimo accelerò molto più velocemente, ad una velocità supersonica e sembrò “giocare” con l'aereo.

Questo si ripetette un certo numero di volte. L'Air Force tenne in seguito una conferenza stampa e mostrò l'HUD e le registrazioni radar. Una fotografia ad alta definizione scattata da terra mostrò una chiara forma a delta. (VIDEO)


11. COSFORD EVENT. Ho chiamato questo l'evento di Cosford dato che era la fonte del primo rapporto. (VA7)

a. Alle ore 01:15 del 31 marzo di quest'anno, due uomini della polizia della RAF riportano delle luci nel cielo. La RAF West Drayton e il controllo del traffico aereo dell'aeroporto di Birmingham confermarono che non c'era nessun traffico aereo nell'aerea di Cosford in quel momento.

b. Altri undici rapporti pervennero da osservatori indipendenti sparsi in tutto il paese. L'essenza di questi rapporti fu: (VA8)

1) Due brillanti luci separate che si muovevano in parallelo.

2) Qualche tipo di “scia di vapore” o fasci di luci posteriori e frontali.

3) Velocità da fermo a M2.

4) Voli rettilinei e erratici.

5) Visto da numerose posizioni.

6) Osservato dalle ore 20:10 del 30 marzo alle ore 01:20 del 31 marzo.

7) Nessun ritorno radar.

8). Nessun boom sonico.

c. Il Devon UFO Research Organisation, che sembra avere un approccio professionale con analisi successive agli avvistamenti riportati con interviste ai testimoni, fornì altri dettagli per il Sec (AS) e siamo in possesso delle relative copie. Sono molto simili ai precedenti rapporti, ma contengono ulteriori dettagli da parte di alcuni precedenti osservatori e alcuni nuovi rapporti. Due poliziotti chiamati da Ilfracombe riferirono che le luci erano circa 500 e avevano una struttura tra loro e passarono a circa 610 metri dalla loro testa. Altri rapporti sono similari. Molti riferirono di aver usato l'espressione di scie di vapore perchè trovarono l'effetto difficile da descrivere. Alcuni descrissero le “scie di vapore” come simili a luci rivolte all'indietro.

d. Osservatori. (VA9) Dal momento che abbiamo un ragionevole grado di informazioni su questo evento è interessante esaminare il background degli osservatori. Questo VA riassume questo e si può notare che la maggioranza delle osservazioni sembrano essere state fatte da persone responsabili e le loro dichiarazioni sono state confermate.


POSSIBILITA'

12. Che sono tutte queste cose che le persone vedono nel cielo. In primo luogo, che tipologia di persone vede gli UFO. Beh, di solito è gente che sta fuori la notte e tendono ad essere agricoltori, poliziotti, medici e amanti. Cosa potrebbero essere? Alcune possibilità sono: (VA10)

a. Allucinazioni di massa. Non ho incontrato mai questa tipologia, ma il Direttore ha menzionato questa possibilità in una recente riunione. Se ciò è possibile, allora non riesco ad immaginare quale meccanismo causi ad un grande numero di persone le stesse identiche allucinazioni.

b. Falsi. Non c'è dubbio che alcune persone abbiano deliberatamente creato dei falsi. Tuttavia, queste persone generalmente fanno ciò per trarre profitto economico o desidera farsi pubblicità. Suggerisco che i militari e il personale di polizia non sono in una posizione per trarne profitto e, in effetti, potrebbero essere notevolmente imbarazzati nel riportare questi eventi. Queste sono alcune indicazioni che gli incidenti riportati sono solo la punta di un iceberg e molte persone non vogliono rischiare imbarazzo e quindi non riportano gli avvistamenti.

c. (Omissis) o aeromobili Statunitensi. E' possibile che alcuni avvistamenti siano aerei Statunitensi. Un richiamo favorito è quello del speculato (omissis). Se è così, perchè sorvolare paesi densamenti popolati, a bassa quota, come il Regno Unito e il Belgio, dove molte persone possono vederlo. Inoltre, se si accettano i fatti che ho descritto allora (omissis) deve essere un velivolo piuttosto interessante. La sua (largo omissis). Tuttavia, credo sia possibile/probabile che alcuni avvistamenti potrebbero essere stati causati da F-117.

d. Effetti atmosferici. Ci sono due possibili fonti a mia conoscenza:

1) Nuvole. Sono una probabile spiegazione per alcuni rapporti, ho visto alcune nuvole dalla forma davvero strana, in particolare di varietà lenticolare.

2) Fulmine globulare. Non ho mai visto questo fenomeno, ma ho letto della sua esistenza.

e. Non Terrestre. Le possibilià sono:

1) Avvistamenti di Pianeti. Ciò è possibile e Venere può essere molto luminoso, ma non si muove nel cielo.

2) Meteore. Anche probabile.

3) Forme di vita extraterrestri. Possibile, ma non c'è nessuna prova diretta.


IMPLICAZIONI (VA11)

13) Sicurezza Nazionale. Le implicazioni alla sicurezza nazionale sono notevoli. Ci sono molte segnalazioni di strani oggetti nei cieli e non le abbiamo mai indagate. E gli avvistamenti sono:

a. Statunitensi. Non esiste probabilmente nessuna minaccia alla sicurezza nazionale, anche se sarebbe più allarmante se il velivolo stesse utilizzando lo spazio aereo del Regno Unito senza autorità.

b. (Omissis). Se gli avvistamenti erano di (omissis) veicoli, sono quindi una minaccia alla sicurezza nazionale e abbiamo urgente bisogno di stabilire la natura del mezzo aereo e delle sua capacità.

c. Extraterrestre. Se gli avvistamenti si riferiscono ad apparecchi non di questa Terra, il loro scopo quindi deve essere stabilito come una questione di priorità. Non c'è stato alcun apparente intento ostile e le altro possibilità sono:

1) Ricognizione militare.

2) Scientifica.

3) Turismo.

14. Trasferimento Tecnologico. Se i rapporti sono presi poi a valore apparente e questi apparecchi esistono e non usano sistemi di propulsione a reazione convenzionali, essi hanno una gamma molto ampia di velocità e sono furtivi. Io suggerisco che si potrebbe utilizzare questa tecnologia, se esiste.

STRADA DA PERCORRERE (VA12)

15. Credo che ci siano due azioni immediate che dovremmo prendere:

a. In primo luogo dobbiamo esaminare tutti i dati che abbiamo e di determinare se un ulteriore studio sia giustificato.

b. In parallelo, dobbiamo discutere con qualsiasi collezionista, sotto il DIS o controllo britannico, di tutti gli eventi anomali. Possiamo avere materiale che è stato ignorato, come le scie di possibili meteore, eccetera.

Solo dopo aver condotto questo studio di base, prenderò in considerazione di onorare il mio incarico sugli UFO.


Articolo scritto da Antonio De Comite
READ MORE - Alieni in vacanza? Ecco il documento in dettaglio del MoD britannico