Il famoso incidente della foresta di Rendlesham? Una esercitazione militare

sabato 9 giugno 2012



Ormai è un classico nel mondo dell'Ufologia storica. Stiamo parlando del caso della foresta di Rendlesham, nei pressi dell'allora perimetro operativo della base NATO di Bentwaters (Suffolk), dove il 26 dicembre 1980 atterrò un velivolo di forma triangolare, visto da tre uomini della base, con la presenza, una volta partito l'oggetto, di segni fisici al suolo e tracce di lievi livelli di radiazione.

Un caso che è entrato nella storia degli UFO, ma che sin da subito ha diviso i ricercatori ufologici di mezzo mondo. Tra questi abbiamo Jenny Randles, ricercatrice britannica che da oltre 20 anni si è occupata del caso in questione, trovando una soluzione convenzionale all'enigma.

In una intervista rilasciata qualche anno fa per un documentario sugli UFO andato in onda sul canale satellitare Discovery dichiarò:


Il caso della foresta di Rendlesham è senza dubbio l'indagine ufologica più complessa di cui mi sono occupata. E' l'incidente più famoso e più controverso del Regno Unito. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, qui sono stati eseguiti molti esperimenti radar. Negli anni 70 sappiamo che effettuarono un esperimento per cercare di perfezionare un potentissimo sistema radar in grado di irradiare onde radio energetiche, molto potenti, nello Spazio e farle rimbalzare nella ionosfera. Sfortunatamente la ricerca scoprì che questi raggi causavano strani fenomeni collaterali nell'atmosfera, la rendevano incandescente, perchè creavano attorno ai raggi effetti plasma, provocando gravi conseguenze fisiologiche di ogni tipo sulle persone che vi erano entrate in stretto contatto. Vi sono alte percentuali di probabilità che, quando accadde l'incidente, fosse in corso uno di questi esperimenti e che queste persone si siano fatte ingannare dal campo energetico. Ho il sospetto che abbiano insabbiato la vicenda per cercare di nascondere - e di non dover ammettere - l'esistenza di questo tipo di ricerche”.

Fin qui le dichiarazioni della Randles di qualche anno fa. Recentemente, la stessa ricercatrice ha aggiunto un altro particolare a quanto accaduto nel cosiddetto “Esperimento Rendlesham Forest”, ossia che nell'esperimento in questione furono presenti, anche, un velivolo con tecnologia stealth o, con ogni probabilità, un velivolo RPV (Remotely Piloted Vehicle) scortato da altri aerei o elicotteri. Questa presenza avrebbe ingannato i tre militari, convinti di aver visto un reale UFO.


Non possiamo dimenticare che tre giorni dopo il possibile esperimento militare avvenuto nella foresta di Rendlesham, avvenne un caso similare. Stiamo parlando del caso “Cash-Landrum”, dove due donne e un bambino ebbero un IR2 (Incontro Ravvicinato del Secondo Tipo) mentre si trovavano in viaggio sulla loro auto a Dayton (Texas) il 29 dicembre 1980. Qui videro un oggetto volante a forma di diamante che era accompagnato in volo da... 23 elicotteri neri senza contrassegno.

Dopo quell'incontro, i tre ebbero strani sintomi, anche gravi, che ricordavano una esposizione ad un elevato livello di radiazioni. Solo coincidenze tra il caso di Rendlesham e quello di Cash-Landrum? Può darsi, ma non si può escludere che vi sia un collegamento.


Concludendo, citiamo anche la tesi di Larry Warren e Peter Robbins che, nel loro libro “Left at Eastgate”, dichiararono che il caso di “Rendlesham Forest” fu un deliberato ed elaborato esperimento di stress psicologico per studiare la vulnerabilità del personale USAF (United States Air Force) di stanza alla base, completi di proiezioni olografiche ed effetti speciali.

Quando avvenne ciò, l'intera base RAF (Royal Air Force) reagì ad una violazione di sicurezza, pensando che fosse atterrata una nave spaziale extraterrestre. Ma, a quanto pare, così non fu.


Articolo scritto da Antonio De Comite

1 commenti:

Gabriele ha detto...

La spiegazione della Randles non mi convince per nulla: i sintomi provati dai testimoni nel caso similare Cash-Landrum sono da imputarsi a radiazioni così forti da essere pesantemente ionizzanti, tanto che una delle due donne poi ne morì. Inoltre Jenny Randles altre volte mi era parsa un pò credulona in merito ad altri presunti avvistamenti e poco "scettica" come apparirebbe in questa occasione.

Posta un commento