Scienziati del Pentagono usano "buco temporale" per nascondere gli eventi

martedì 7 febbraio 2012

I soldati potrebbero un giorno condurre operazioni nascoste in assoluta segretezza, ora che - garantiscono - i fisici del Pentagono hanno trovato il modo di mascherare interi eventi tramite la distorsione della luce.

Un team della Cornell University, con il supporto del DARPA (braccio di ricerca del Pentagono), è riuscito a nascondere un evento per 40 picosecondi (equivalente a trillioni di secondi). La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature.

Questa è la prima volta che gli scienziati sono riusciti a mascherare un evento, anche se gruppi di ricerca - negli ultimi anni - hanno fatto passi notevoli nell'occultamento di oggetti. Ricercatori dell'Università del Texas, Dallas, hanno sfruttato "l'effetto miraggio" per creare la scomparsa degli oggetti. E nel 2010, fisici dell'Università di St. Andrews hanno fatto passi avanti verso l'utilizzo di metamateriali per ingannare gli occhi umani e rendere non visibile ciò che si trovava di fronte a loro.

Mascherare un oggetto comporta la flessione della luce intorno a tale oggetto. Se la luce, effettivamente, non colpisce un oggetto, allora l'oggetto non sarà visibile all'occhio umano.

Qualora gli eventi fossero preoccupanti, l'occultamento si baserà sul cambio di velocità della luce. La luce che viene emessa dalle azioni, come viene prodotta, ci permetterà di vedere queste azioni quando accadono. Di solito, la luce arriva in un flusso costante. Che è quello che i ricercatori della Cornell University hanno fatto, in termini semplici, modificando quel flusso continuo di luce - solo per un mero "iota" di tempo - in modo che un evento possa trasparire senza essere osservabile.

L'intero esperimento si è verificato all'interno di un cavo di fibra ottica. I ricercatori hanno passato un fascio di luce verde lungo il cavo, e fatto muovere attraverso la lente che ha diviso la luce in due frequenze, una che si muoveva lentamente e l'altra più velocemente. Nel mentre accadeva ciò, hanno sparato un laser rosso attraverso i fasci di luce. Dato che il "tiro" del laser si è verificato nel corso di un "teeny" (intervallo di tempo molto piccolo), risultava impercettibile.

Certo, il team di ricercatori ha ancora molta strada da fare prima di essere in grado di mascherare 30 secondi d'azione, per non parlare di alcuni minuti. Ma, sicuramente, la ricerca si apre a nuove possibilità. Per prima cosa, mascherando eventi super-veloci, come quelli che si verificano con la trasmissione dei dati, potrebbe aiutare a nascondere operazioni segrete informatiche.

Nelle parole degli editori di "Nature", la ricerca rappresenta "un passo significativo verso il pieno occultamento spazio-temporale". Ma potrebbero passare decenni prima che il personale militare sia essenzialmente in grado di eliminare la Storia, quando accade.


Traduzione e sintesi a cura di Antonio De Comite

Fonte

Documento su "Nature" (clicca qui)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Quindi in un futuro più o meno prossimo, sarà possibile compiere azioni,e allo stesso tempo nasconderne l'esecutore e il mandante.In un film con Tom Cruise mi pare si parli della possibilità di intervenire prima dell'avverarsi di un crimine,scongiurandolo in primis.Ma devo ammettere che l'eventualità da voi prospettata è molto più inquietante.Penso ad azioni come interventi contro governi o persone considerati nemici degli interessi degli Usa,o ad azioni che limitino le libertà individuali fatti nel totale anonimato,senza tema di possibili ripercussioni.Un mondo molto meno sicuro di adesso tanto per intenderci. Max

Anonimo ha detto...

www.laRepubblica.it del 7 febbraio 2012
Attività magnetica inspiegabile. Ma i misteri di Vostok non sono finiti. Ce n'è un altro, ugualmente importante ma dai contorni ancora meno definibili. Nella zona sud-occidentale del lago, i team di ricerca hanno individuato e verificato per anni la presenza di una fortissima anomalia magnetica, ritenuta di origine inspiegabile, che si estende 105 km per 75. Alcuni ricercatori pensano che anche questo fenomeno sia da attribuirsi all'assottigliamento della crosta terrestre in quel punto. Ma alcuni rilievi effettuati da rilevatori sismici hanno individuato la presenza di un elemento metallico di forma circolare o forse cilindrica che appare dal diametro molto esteso, alla base del lago. L'ipotesi è che possa essere questa non specificata struttura a generare l'alterazione di 1000 nanotesla nel campo magnetico di una zona così estesa. Un elemento che ha aperto scenari da X-Files, che vedono già i sostenitori della presenza di un gigantesco Ufo seppellito di ghiacci, contro chi parla di un elemento meteorico.
Di certo c'è che la forma dell'oggetto misterioso appare particolarmente regolare. Voci non confermate riportano che l'agenzia nazionale per la sicurezza degli Usa (NSA) abbia perimetrato la zona, secretato le comunicazioni sull'area e impedisca l'accesso per chiunque, per "evitare contaminazioni".
Cosa nasconde il lago e in che modi e tempi la scoperta inciderà sul pianeta Terra è tutto da vedere. Vostok è stato appena raggiunto, e i misteri che contiene prima o poi arriveranno in superficie.
(06 febbraio 2012)

Posta un commento